Home > Igiene

Temi del libro di testo, pag 69 e seguenti.

L'età classica è caratterizzata dai mutevolissimi rapporti con i persiani e dalla tendenza, da parte delle singole poleis, di dominare su altre: cio ebbe come conseguenza guerre frequenti. Ma fu anche l'epoca in cui lo sviluppo delle arti, della letteratura, della filosofia, diedero grandezza e ricchezza alla civiltà greca.


Link:

Atene, Sparta e i Persiani

 

La Grecia classica e lo scontro con i Persiani - V a.C.

Sparta e Atene

Atene dista da Sparta circa 150 km in linea d'aria.

I territori delle colonie greche fondate tra VIII e VI secolo a.C. I territori delle colonie greche fondate tra VIII e VI secolo a.C.

 

La Grecia classica e lo scontro con i Persiani - V a.C.

La Grecia classica e lo scontro con i Persiani - V a.C.

Nel VI secolo, sotto la guida di Ciro II il Grande i Persiani si liberarono dall'egemonia dei Medi ed espansero la propria autorità ad occidente fino al Mediterraneo.
Sottomisero inoltre le colonie greche dell'Asia minore.
Avvenne così il primo scontro tra Greci e Persiani.

Le conquiste di Dario - 492 a.C

Le conquiste di Dario - 492 a.C

Dario I il Grande, tra il VI e il V secolo sottomise l'India nord-occidentala, la Tracia e la Macedonia.
Dario organizzò l'impero in satrapie (province, wp), governate da nobili fedeli, spesso autoctoni, i satrapi.
Dal IV secolo, però, le satrapie cominciarino ad amministrarsi in modo sempre più autonomo. cosa che condusse alla decadenza dell'Impero persiano e alla sua distruzione per opera di Alessandro il Grande (wp).

.Le conquiste di Serse - 480 a.C.

Le conquiste di Serse - 480 a.C.

Nel 485 Serse, figlio di Ciro attaccò la Grecia via terra, conquistando la Tracia, la Macedonia e la Grecia nord-orientale.

I Greci si riunirono a Corinto per stipulare un'alleanza contro l'avanzata persiana.
Sparta difende Corinto.
Atene viene conquistata insieme a tutta l'Attica, gli ateniesi (che si erano fatti 10 triremi) si ritirano (480) a Salamina, dove riuscirono a sconfiggere i Persiani e avanzare in Beozia (sopra l'Attica intorno a tebe), costringendo i Persiani ad abbandonare l'Attica.

La potenza di Sparta e Atene tra il 477 e il 431 a.C. La potenza di Sparta e Atene tra il 477 e il 431 a.C.
Atene, Sparta e Tebe - IV a.C. Atene, Sparta e Tebe - IV a.C.

Dopo queste vicende Atene, grazie alla sua politica mercantile, espanse la sua egemonia sul Mar Egeo
Sparta, legata a una politica econimica conservatrice contrastò la nascita di una classe mercantile, avversando ogni innovazione sia politica che economica.

Pericle (wp) - Nel 461 a.C. Pericle divenne la figura principale nella scena politica ateniese. Pericle fece approvare una legge che istituì la mistoforia, cioè il pagamento di un'indennità giornaliera a coloro che ricoprivano cariche pubbliche. Tutti i cittadini dell'Attica ebbero la possibilità di presentarsi candidati e di svolgere, una volta eletti, l'incarico loro affidato.
Pericle attuò una politica sociale che prevedeva l'istruzione degli orfani, il pagamento di pensioni ai mutilati di guerra e agli invalidi, l'ingresso gratuito a teatro per i poveri, una paga regolare ai soldati e marinai e una razione di viveri.
Tali modificazioni sono state ripetutamente dibattute e contestate poiché, di fatto, la remunerazione trasformava i cittadini in funzionari facendo perdere alla partecipazione il suo carattere di privilegio personale; tuttavia tale opera giovò alla polis poiché, con i soldi della Lega, Atene finanziava la sua amministrazione.
Nel 451 a.C. propose la legge per cui potevano diventare cittadini ateniesi solamente coloro i quali avessero entrambi i genitori con la cittadinanza.
I diritti politici erano riservati solo ai cittadini maschi, le donne, come in tutte le società antiche, erano escluse dalla vita politica. La donna ateniese per tutta la vita era dipendente da un tutore, dapprima il padre e, dopo la morte di questi, da un fratello maggiore o un altro componente maschile della famiglia; al tutore toccava la scelta dello sposo. Dopo il matrimonio i diritti di tutela passavano al marito, tornando alla famiglia in caso di divorzio. Una donna non aveva il diritto di ricevere un’eredità e poteva agire giuridicamente solo attaverso il loro tutore. Anche nella vita pubblica e in quella quotidiana le donne erano soggette a forti limitazioni.
Nel 431 a.C. l'esercito spartano invase l'Attica sotto la guida di Archidamo, saccheggiando campi e villaggi abbandonati, mentre Pericle guidava le triremi contro le coste nemiche.
Le precarie condizioni igieniche in cui vivevano le migliaia di cittadini ammassati all'interno delle mura di Atene facilitarono il diffondersi nel 430 a.C. di un'epidemia di peste, che falcidiò la popolazione e di cui cadde vittima lo stesso Pericle.

Guerra del Peloponneso (431 a.C. - 404 a.C.)